newsletter

home / Archivio / Fascicolo / Sulla pacifica giurisdizione contabile sul mancato versamento dell'imposta di soggiorno da parte ..

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Sulla pacifica giurisdizione contabile sul mancato versamento dell'imposta di soggiorno da parte degli albergatori

Vito Tenore

La pronuncia annotata non appare sorprendente, ma ben si inserisce in filoni consolidati ed univoci. Lo spostamento del baricentro della giurisdizione verso la Corte dei Conti, nel caso in esame e in tanti altri in cui si fa applicazione del principio del “rapporto di servizio” tra privati e Pubblica Amministrazione, è garanzia di un si­stematico obbligatorio ed officioso intervento recuperatorio delle somme dovute all’Amministrazione da molti privati grazie alla Procura contabile, la quale, notiziata del danno erariale, ha l’obbligo di attivarsi innanzi alla Sezione giurisdizionale.

The Court of Auditors’undisputed jurisdiction on omitted payment of city tax by hotel keepers

The commented decision does not seem particularly surprising, since it fits well into a consolidated and unambiguous case law. The shift of the center of gravity towards the Court of Auditors’jurisdiction, in this case and in many others where the principle of “service relationship” between private individuals and public administration applies, is a 

Keywordscity tax, payment, jurisdiction, service relationship, Court of Auditors

Cass., sez. un., 24 luglio 2018, n. 19654 – Pres. Canzio, Est. Scarano, Capozzi (avv. Cecchetti, Conti) c. Procura della Corte dei Conti Tributi – Imposta di soggiorno – Art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 23/2011 – Rapporto tributario – Soggetti tra cui intercorre – Comune e cliente dell’albergo (D.lgs. n. 23/2011, art. 4, comma 1)   Tributi – Imposta di soggiorno – Art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 23/2011 – Rapporto tributario – Albergatore – Sostituto o responsabile di imposta – Esclusione (D.lgs. n. 23/2011, art. 4, comma 1)   Giurisdizione e competenza – Giurisdizione contabile – Su albergatore – Per omesso versamento dell’imposta di soggiorno ex art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 23/2011 – Sussiste – Ragioni – Rapporto di servizio tra albergatore e Comune – Per maneggio di denaro pubblico (D.lgs. n. 23/2011, art. 4, comma 1)   Il rapporto tributario relativo alla imposta di soggiorno ex art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 23/2011 intercorre esclusivamente tra il Comune che ha istituito l’imposta (soggetto attivo) e colui che alloggia nella struttura ricettiva e su cui essa normativamente grava (soggetto passivo). Il gestore della struttura ricettiva (o “albergatore”) è del tutto estraneo al rapporto tributario relativo alla imposta di soggiorno ex art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 23/2011, e nel silenzio della norma primaria non può assumere la funzione di sostituto o responsabile d’imposta, né tale ruolo potrebbe essergli attribuita dai regolamenti comunali. Il gestore della struttura ricettiva (o albergatore), che per conto del Comune incassa da coloro che vi alloggiano l’imposta di soggiorno ex art. 4, comma 1, D.Lgs. n. 23/2011, con obbligo di successivamente versarla al Comune, maneggia denaro pubblico, ed è conseguentemente tenuto alla resa del conto e sottostà dunque, instaurando un rapporto di servizio con il Comune, al giudizio contabile qualora non riversi le somme introitate   SVOLGIMENTO DEL PROCESSO   La Procura regionale presso la Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Toscana ha citato il sig. B. C. – quale legale rappresentante della società A. s.r.l.– avanti alla Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti per la Toscana per ivi sentirlo [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Commento

Sommario:

1. Gli enunciati della Pronuncia n. 19654/2018 delle Sezioni Unite della Cassazione - 2. La portata non innovativa della pronuncia alla luce dei pregressi univoci indirizzi giurisprudenziali sul rapporto di servizio con la Pubblica Amministrazione di numerosi soggetti privati - 3. Sulla rilevanza pratica dell’ipotizzato rapporto di servizio tra Comune ed albergatore - Postilla - NOTE


1. Gli enunciati della Pronuncia n. 19654/2018 delle Sezioni Unite della Cassazione

L’ord. 24 luglio 2018, n. 19654 delle Sezioni Unite della Cassazione, nello stabilire la competenza della Corte dei Conti sul mancato versamento dell’imposta di soggiorno da parte degli albergatori, ha avuto vasta eco giornalistica (soprattutto in un Paese che vive di turismo, ma che si mostra restio ad osservare regole tributarie anche minimali), così da apparire al lettore profano della materia come una innovativa pronuncia tesa ad ampliare l’ambito soggettivo della giurisdizione contabile. Ma, come si vedrà, non è così [1]. La materia dell’omesso versamento dell’imposta di soggiorno è stata parallelamente vagliata dalla Cassazione, che perviene ad identiche conclusioni sul piano sistematico, per configurare il reato di peculato [2]. La decisione che si annota, oltre ad operare una chiara ricostruzione dei presupposti tributari della peculiare imposta di soggiorno, ha statuito tre [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


2. La portata non innovativa della pronuncia alla luce dei pregressi univoci indirizzi giurisprudenziali sul rapporto di servizio con la Pubblica Amministrazione di numerosi soggetti privati

Come è noto, le componenti strutturali dell’illecito amministrativo sono costituite: a) dal rapporto di impiego o di servizio con la Pubblica Amministrazione; b) dalla condotta; c) dal danno erariale; d) dall’elemento psicologico; e) dal nesso causale [5]. Soffermandoci in questa sede sul solo primo elemento, che rappresenta uno dei presupposti caratterizzanti della giurisdizione contabile, va evidenziato che al giudizio della Corte dei Conti per responsabilità amministrativa sono sottoposti, di regola, i soli dipendenti, intranei alla Pubblica Amministrazione, legati cioè all’ammini­strazione da rapporto organico. Tale peculiarità distingue l’illecito in esame dall’illeci­to civile, che si caratterizza per il solo elemento oggettivo, l’iniuria, mentre in sede giuscontabile assume concorrente rilevanza la qualifica dell’autore di tale iniuria (al pari di quanto accade per [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


3. Sulla rilevanza pratica dell’ipotizzato rapporto di servizio tra Comune ed albergatore

Alla luce di questi poderosi pregressi indirizzi giurisprudenziali sul rapporto di servizio, pare evidente come la sentenza che si annota non sia sorprendente, ma ben si inserisce in filoni consolidati ed univoci. Semmai va rimarcato come un rilevante corollario derivante dalla mancanza di un rapporto di servizio con la Pubblica Amministrazione di privati è dato dalla impossibilità di perseguire l’illecito da parte della magistratura contabile. Resta ovviamente ferma la possibilità per l’ente danneggiato di citare innanzi al giudice ordinario l’au­tore privato del danno (ove i vertici dell’ente abbiano la seria volontà di deliberare la proposizione dell’azione e di dare mandato alla propria Avvocatura). Alla luce di quest’ultimo rilievo, va conclusivamente ben sottolineato che l’avere la Cassazione più volte affermato la giurisdizione contabile a fronte di soggetti privati legati alla Pubblica [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


Postilla

La problematica individuazione del giudice sull’imposta di soggiorno Con l’occasione della sentenza in commento, nell’articolo si ripercorre attentamente l’evoluzione giurisprudenziale che – con diverse pronunce della Corte di Cassazione, della Corte dei Conti e della giustizia amministrativa – riconduce nell’am­bi­to della giurisdizione contabile le controversie relative all’omesso versamento del­l’imposta di soggiorno da parte dei gestori di attività ricettive [87]. L’Autore, oltre a dare evidenza degli argomenti teorici posti a base della giurisprudenza riportata, individua anche alcuni effetti positivi derivanti dalla devoluzione alla giurisdizione contabile di siffatte controversie, individuando la giurisdizione ordinaria quale ipotesi alternativa e parametro di confronto. A tale riguardo occorre sottolineare come ulteriore alternativa alle giurisdizioni contabile e ordinaria possa [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


NOTE

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio